CIRCUITO "MANDINGO DI DOLCEACQUA"© L'Evidenziatore Del Web: "VIDEO" Fibromialgia cos'è e come curarla. Tutto quello che cerchi in un semplice click notizie, news, società, economia, video incredibili,

domenica, dicembre 14, 2014

"VIDEO" Fibromialgia cos'è e come curarla.

Fino a una decina di anni fa la Fibromialgia veniva poco diagnosticata perché si riteneva inutile diagnosticare ciò che, erroneamente, era considerata una malattia di natura psicogena e quindi difficilmente curabile. Oggi invece si conoscono le vere cause e dunque le cure più idonee. Ma che cos’è la FM? Il termine “fibro” indica i tessuti fibrosi come tendini e legamenti mentre “mialgia” indica il dolore muscolare. La FM quindi è una malattia reumatica che colpisce i muscoli causando un aumento di tensione. Ciò determina dolore (più frequentemente al collo, alle spalle, alla schiena e alle gambe, punti chiamati “tender points”) e rigidità muscolare che può limitare i movimenti o dare una sensazione di gonfiore alle articolazioni.

A sua volta la costante tensione determina molta stanchezza, poiché i muscoli tesi è come se lavorassero senza sosta per cui si esauriscono con grande facilità. I fibromialgici, infatti, si sentono sempre stanchi e anche minimi sforzi per loro sono molto spossanti. Inoltre, la continua tensione non permette un sonno profondo e fa svegliare più volte durante la notte chi è affetto da FM, cosicché questi si alza dal letto più stanco della sera precedente. Questo circolo vizioso ovviamente acuisce gli stessi sintomi prima descritti.

Purtroppo però i sintomi non si fermano qui. Oltre a tensione e dolore muscolare, stanchezza e disturbi del sonno si affiancano altri disturbi quali mal di testa, disturbi gastrointestinali (acidità gastrica, dolori addominali, colon irritabile) e urinari (minzione frequente e spesso urgente), dismenorrea, alterazione dell’equilibrio (senso di instabilità e vertigini), tachicardia (spesso il fibromialgico ricorre al Pronto Soccorso per timore di una malattia cardiaca, anche per il frequente dolore alla regione sternale, cioè costocondralgia), disturbi cognitivi (difficoltà di concentrazione, testa confusa, perdita di memoria a breve termine), crampi agli arti inferiori, iperalgesia (percezione esagerata del dolore), allodinia (percezione dolorosa di stimoli che normalmente non danno dolore), allergie, ansia e depressione.

Quest’ultima associazione in passato ha fatto confondere i sintomi della FM con un processo di somatizzazione dell’ansia e della depressione, e molti medici ancora oggi la confondono. Mentre i numerosi studi sulla FM hanno dimostrato inequivocabilmente che non si tratta di una malattia psicosomatica e che gli eventuali sintomi depressivi e ansiosi sono un effetto piuttosto che una causa della malattia. La FM si conosce già dalla prima metà del 1800, ma solo nel 1994 la sua diagnosi è stata accettata a livello internazionale con la “Dichiarazione di Copenhagen” e meglio definita, accertando così le cause e individuando la terapia corretta. In Italia si stimano circa 4 milioni di fibromialgici, in maggioranza donne.

Riguardo alle cause, si può dire che la FM è una malattia a genesi multifattoriale, ma principalmente si tratta di un’alterazione nei livelli di alcuni neurotrasmettitori, in particolare la serotonina e la noradrenalina. Il soggetto predisposto, cioè che eredita un sistema neurovegetativo sbilanciato verso la iperattività simpatica, probabilmente per un deficit metabolico del sistema serotoninergico, a causa di un fattore scatenante quale un trauma fisico o psichico, o un’infezione, o, si pensa, anche di alcuni farmaci, può ammalarsi di FM. Una volta slatentizzata la FM, i suoi sintomi sono facilmente influenzati e peggiorati da fattori esterni quali quelli climatici (specie nelle stagioni di passaggio, primavera e autunno, e nei periodi di grande umidità), ormonali (per le donne nel periodo premestruale) e dai fattori stressanti (discussioni, litigi, tensioni sul lavoro e in famiglia).

Le cure dunque sono quelle che vanno a bilanciare i neurotrasmettitori sopra detti (agendo sui meccanismi centrali della malattia) e quelle che riescono a indurre rilassamento, i miorilassanti appunto (che agiscono quindi sulla manifestazione periferica, cioè sulla contrattura muscolare).

Possono essere farmacologiche o fitoterapiche - ma è utile anche una dieta opportuna – per i meccanismi centrali della FM, mentre per alleviare i sintomi periferici risultano pure molto utili le sedute di rilassamento, come il training auotogeno di Schultz, la psicoterapia cognitivo-comportamentale e le tecniche analogiche di rilassamento ericksoniane. Due studi hanno pure dimostrato l’efficacia del Biofeedback elettromiografico. Anche la terapia con ossigeno iperbarico ha dato buoni risultati riducendo il numero dei tender points e il dolore. L’efficacia del massaggio è stata studiata poco, ma dalla comune esperienza si sa che a volte può peggiorare la sintomatologia della FM. Riguardo all’attività fisica, affaticare eccessivamente i muscoli con performance atletiche elevate risulta controproducente peggiorando molti sintomi. Ciò perché la tensione muscolare eccessiva nei fibromialgici provoca una diminuzione del flusso sanguigno, causando un deficit di ossigeno e quindi minore capacità di sopportare lo sforzo. L’inattività prolungata d’altronde crea rigidità muscolare e aumento del dolore.

La via di mezzo quindi è un’attività fisica moderata e costante, adeguata al grado di allenamento individuale. Per chi ne ha la possibilità è consigliata l’attività motoria in acqua termale, giacché questa aiuta a rilassare la muscolatura. La terapia farmacologica è la stessa per la cura dell’ansia e della depressione, appunto quella che potenzia l’attività della serotonina, essendo questa implicata nella genesi di alcune depressioni. Quindi i triciclici (Laroxyl e Trittico) ma ancora meglio i nuovi inibitori della ricaptazione della serotonina, gli SSRI (Zoloft, Elopram, Prozac, Sereupin); ma anche la nuova classe di antidepressivi, gli SNRI, inibitori anche della noradrenalina, la cui unica molecola commercializzata attualmente in Italia è la venlafaxina.

C’è da dire però che gli psicofarmaci, come tutti i farmaci del resto, hanno lo svantaggio di arrecare parecchi effetti secondari. Per una depressione grave sono assolutamente indispensabili per velocità e ottima efficacia risolutiva, ma per i sintomi della FM il medico prima di prescriverli deve valutare attentamente il rapporto tra benefici ed effetti collaterali.

Si è riscontrato inoltre che la depressione e l’ansia nella FM è caratterizzata da carenza di magnesio e di vitamina D. Alcuni studi hanno dimostrato che l’assunzione per via orale di 1200 mg di citrato di magnesio al giorno per due mesi, comporta un netto miglioramento nel numero dei tender points e nel dolore a riposo e dopo lo sforzo. Come fitoterapia è utile un infuso da prendere due volte al giorno lontano dai pasti nella dose di un cucchiaino da tè per volta, costituito da Panax quinquefolium (2 parti), Astragalus mongolicus (2 parti), Angelica sinensis (2 parti), Ginko biloba (1 parte), Cimicifuga racemosa ((1 parte), Passiflora incarnata (1/2 parte), Betonica officinalis (1/2 parte), Matricaria chamomila (1/2 parte) e Zizyphus sativa (1/2 parte); e tutte quelle piante che inducono rilassamento e facilitano il sonno. Per finire, pur non esistendo una dieta specifica per la FM, una dieta consapevole può dare buoni risultati nell’alleviare i suoi sintomi che si esprimono principalmente con stanchezza e dolore muscolare.


Sono da ridurre lo zucchero, specie se bianco e raffinato privilegiando quello di canna non raffinato, e il sale per evitare i ristagni e gli edemi, frequenti nella FM, e per contro bere molta acqua evitando bevande zuccherine, succhi di frutta e caffè. Come tonico è da preferire la Pappa reale o l’Alga spirulina, quest’ultima per periodi limitati e con un fegato non sofferente. È molto indicata inoltre una dieta vegetariana o comunque con poca carne rossa, data la scarsa capacità di drenaggio delle tossine dai tessuti; meglio la carne bianca, il pesce, le uova, i latticini e i formaggi se non si ha il colesterolo alto. Consumare molta frutta e verdura fresca per usufruire dell’azione antiossidante delle vitamine e per l’apporto di sali minerali. Ottimi i cereali integrali, specie farro, riso e pasta integrale. Dato che alla base della FM c’è una disfunzione metabolica dei neurotrasmettitori e in particolare della serotonina, è importante integrare la dieta con triptofano, un amminoacido precursore appunto della serotonina oltre che della melatonina e della niacina o vitamina PP (sigla che sta per “Pellagra Prevention”, cioè studi condotti sulla pellagra causata da carenza delle vitamine del gruppo B e in particolare della niacina che ha anche effetti distensivi).


Il triptofano assunto la sera e lontano da pasti proteici (altrimenti serve a rigenerare i tessuti), si trasforma in serotonina e ulteriormente in melatonina, la quale è un ormone prodotto dalla ghiandola pineale o epifisi, posta alla base del cervello e che agisce sull’ipotalamo con la funzione di regolare il ciclo sonno-veglia. Quindi si capisce come il triptofano così assunto abbia un marcato effetto calmante che distende i nervi e concilia il sonno, essendo pure antagonista della dopamina che è invece il neurotrasmettitore dell’aggressività.

Gli alimenti più ricchi di tale amminoacido sono le mandorle dolci secche (394 mg/100 g), il provolone (336 mg/100 g), il pecorino romano (328 mg/100 g), il parmigiano (320 mg/100 g), le arachidi tostate (318 mg/100 g), il grana (310 mg/100 g), i pinoli (300 mg/100 g), gli anacardi (240 mg/100 g), il tuorlo crudo d’uovo di gallina (237 mg/100 g), i fagioli crudi, le fave secche crude e i ceci secchi crudi (tutti in media con 225 mg su 100 g), il farro (198 mg/100 g), la farina d’avena (185 mg/100 g), i pistacchi (145 mg/100 g), le noci (104 mg/100 g); e poi in minor quantità, sui 50 mg ogni 100 g, nel latte di vacca intero, nello yogurt, negli asparagi di bosco, negli spinaci crudi e nei funghi crudi coltivati o porcini. Si raccomanda a chi vuole avere una diagnosi corretta della FM e per iniziare eventualmente una cura, che è bene rivolgersi ad un medico esperto. Per chi volesse semplicemente approfondire lo studio sulla FM in proprio, può cercare l’argomento su internet tramite un qualsiasi motore di ricerca.

Fonte testo: http://www.blogsicilia.it/blog/fibromialgia-che-cose-e-come-curarla/26543/

 


Consigli
Abitudini corrette
Di norma, l'approccio dei malati di fibromialgia ai farmaci e' piuttosto problematico, spedalmente in chi ha alla base un forte conflitto nevrotico, cioe', secondo i dati, circa il 25 percento delle persone interessate. E' fondamentale, invece, la partecipazione del malato, per cui e' di solito necessario che il medico lo istruisca e insieme rassicuri. Escluse le forme secondarie, da curare in modo specifico tenendo conto della singola malattia, la cura tende al rilassamento dell'apparato muscolare, attraverso bagni in acqua calda prima di dormire, l'assunzione di antinfiammatori e antidepressivi leggeri a piccole dosi. E' anche importante eseguire esercizi muscolari in scarico, vale a dire sul tappeto, in piscina o con la cyclette. L'esercizio aerobico, cioe' la ginnastica aerobica, da' benefici duraturi anche se non immediati: il programma ideale puo' essere una sessione di 20 minuti di marcia sul posti in acqua alta fino al torace, per tre giorni alla settimana.


CONSIGLIATO:
analisi del sangue, esami strumentali, ginnastica, psicoterapia, farmaci
SCONSIGLIATO: posizioni scorrette e stress
PER ALLEVIARE TENSIONE E RIGIDITA'
Ecco 8 esempi di esercizi utili e semplici da effettuare ideali per sciogliere i muscoli. Ognuno di essi deve essere ripetutto per 10 volte.
8 esercizi a casa
Es. 1: sdraiati, ginocchia flesse, mani dietro il capo, portare il mento verso il torace.
Es. 2: sdraiati sul dorso, ginocchia flesse e un poco divaricate, le mani dietro il capo, ruotare la testa, flettendo il collo in avanti.
Es. 3: in piedi, inclinare a destra e sinistra la testa. Aiutarsi premendo dolcemente la mano sulla testa.
ES. 4: seduti, piedi, ginocchia e braccia come nell'illustrazione; piegarsi in avanti e tornare indietro.
ES. 5: seduti con ginocchia flesse e mani che le afferrano, dondolarsi avanti e indietro.
ES. 6: sdraiati, ruotare i piedi prima verso l'esterno e poi verso l'interno.
ES. 7: sdraiati, ginocchia flesse, portarle verso l'esterno e l'interno.
ES. 8: sdraiati sul dorso, poirtare gradualmente verso l'esterno e verso l'alto prima una gamba poi l'altra.

CONTINUA A LEGGERE...http://www.medicinaoltre.com/patologie/patologie_dettaglio.php?id=339

POST POPOLARI

Booking.com
CERCA IL B&B A DOLCEACQUA DA NOI...

NEL SITO

LO SAPEVI..?

LO SAPEVI..?
L'evidenziatore si sta trasferendo e deve arredare il nuovo sito. Non farti sfuggire questa occasione. Guardalo in anteprima mentre è al lavoro